Category Archives: Ristoranti e bar

Sanificazione dell’aria: perché curarla nei bar

img-articolo-novembre-2019-1

Bar, pasticcerie e altri locali frequentati quotidianamente da molte persone sono luoghi dove i batteri e i germi proliferano con molta facilità, proprio a causa del via vai di tante persone. Per mantenere un livello di igiene adeguato, non c’è di meglio che pulire con cura le superfici e gli attrezzi, ma soprattutto bisogna eliminare i microrganismi e i batteri dall’aria che si respira all’interno del locale. In questo articolo trovate perché anche nel vostro locale dovreste sanificare l’aria con l’ozono e come farlo in modo facile e completamente ecologico.

La salute dei clienti prima di tutto

img-articolo-novembre-2019-2

I bar sono luoghi ad alta frequentazione e per questo spesso hanno un’elevata carica microbica. Dove entrano un sacco di persone entrano anche molti batteri, trasportati dagli indumenti, dalle suole delle scarpe e dalle persone stesse, basti pensare alle scagliette di pelle e ai capelli che si possono perdere, ai batteri che contaminano le nostre mani, ai virus che possono essere messi in circolo attraverso gli starnuti. Sanificare quotidianamente il bar e tutti i suoi ambienti (cucina, toilettes, spogliatoi per il personale, etc…) diventa un modo per tutelare la salute dei propri clienti, ma anche una forma di prevenzione a vantaggio della salute di chi all’interno del bar ci lavora.  

Aria sana e senza odori 

Eliminando i microrganismi, l’aria del locale è sensibilmente più leggera, pulita e salubre. La sensazione è quella di entrare in un ambiente in cui si fa davvero attenzione all’aspetto igienico. E questo non può che far piacere alle persone. Inoltre, sanificando con l’ozono si rimuovono anche tutti gli odori, specialmente quelli di cibo e cucina, a beneficio del benessere e del comfort di quanti entrano nel locale, ad esempio, per un pranzo veloce o per un semplice caffè.

Ridurre il rischio di contaminazione del cibo, si può!

Se la sanificazione viene fatta in cucina (trattandosi di un bar potrebbe essere solo un piccolo spazio dove si preparano i tramezzini e i panini) e in dispensa, questo aiuta a prevenire il rischio di contaminazione dei cibi e ne allunga i tempi di conservazione. L’idea è che eliminando i batteri e le muffe che causano la contaminazione e il deperimento dei cibi, questi si conservano più a lungo, con un notevole risparmio di denaro.

Migliora l’immagine del bar e lo distingue dalla concorrenza

Sanificare con l’ozono i bar è una pratica di igiene e prevenzione ancora poco diffusa e  adottarla significa offrire ai propri clienti un servizio distintivo rispetto ai concorrenti, che produce benefici anche in termini di immagine del locale. Un bar che sanifica i propri spazi con il metodo Sanity System espone una vetrofania all’ingresso e un attestato all’interno del locale che certifica la regolare sanificazione. Questo gioca un ruolo importante nel rapporto col cliente, perché prima ancora di entrare il messaggio che si da all’avventore è “In questo locale puoi stare tranquillo, perché mettiamo al primo posto l’igiene”. Il che è un bel messaggio da dare, specie quando di mezzo ci sono la salute e il cibo.

Ottemperanza degli obblighi di legge

Non tutti sanno che esistono precisi obblighi di legge posti a carico del datore di lavoro prescritti dal D.lgs. n. 81/08 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro deve quindi preoccuparsi di porre in essere determinati comportamenti e rimedi per garantire ai suoi dipendenti condizioni igieniche di lavoro ottimali. Tra questi comportamenti c’è anche la sanificazione degli ambienti, che si può fare in tanti modi, ad esempio usando detersivi e disinfettanti, oppure facendo ricorso alla sanificazione con l’ozono. Quest’ultima, rispetto agli altri, ha tre grossi vantaggi:

#1 E’ molto più economica: un sanificatore professionale non ha bisogno di detersivi o altre sostanze per disinfettare, basta ci sia ossigeno nell’aria. L’ozono infatti viene prodotto attraverso la corrente elettrica da questi speciali dispositivi a partire dall’ossigeno presente nell’aria.

#2 E’ completamente ecologica: non usando alcuna sostanza chimica, ma solo ossigeno trasformato in ozono, è una pratica 100% ecologica e rispettosa dell’ambiente. Negli scarichi dell’acqua finiranno meno residui dei detergenti usati per la pulizia e nei rifiuti meno flacconi di plastica. 

#3 E’ veloce e completamente automatica: usare i dispositivi Sanity System è facile e non intralcia le attività del bar. La sanificazione, infatti, può essere fatta di notte quando il locale è chiuso, semplicemente avviando la macchina che fa tutto da sola. La sera si può chiudere il locale con tutti i batteri e gli odori accumulati durante la giornata, la mattina seguente si può riaprire un locale perfettamente igienizzato e deodorato.

 

img-articolo-novembre-2019-3


La sanificazione con l’ozono è l’unica procedura che permette di assicurare un’igiene totalmente green che supera il  99,98%, riduce il rischio di possibili intossicazioni alimentari, ma soprattutto rende il locale più vivibile e piacevole. Inoltre, protegge la salute dei clienti e di tutto il personale, perché viene ridotta drasticamente la possibilità di contrarre malattie che si trasmettono per via aerea, specie con il cambio stagione (raffreddore, mal di gola etc…).  L’igiene è poi fondamentale per il buon nome di qualsiasi esercizio commerciale. 

Se anche voi volete sanificare con l’ozono il vostro  locale, scoprite come funziona il metodo certificato Sanity System e come diventare una Sanity O-Zone!

L’igiene nella ristorazione: le principali regole da seguire e i vantaggi di sanificare con l’ozono

img-articolo-7-giugno-2019-1

Pulire ciò che è visibile agli occhi è la parte più semplice dell’argomento che trattiamo oggi in questo articolo: l’igiene nella ristorazione collettiva. Tuttavia, non è la sola: nei bar e nei ristoranti oltre a polvere e particelle di sporco, si trovano microrganismi come batteri, germi, muffe e virus che seppur impercettibili a occhio nudo sono presenti e agiscono sugli alimenti e sulla salute delle persone. Quando si gestisce un locale pubblico, mantenere un alto standard di pulizia e igiene è una prassi da adottare tanto per rispettare le attuali normative e protocolli che definiscono i criteri di igienicità (HACCP) quanto per lavorare meglio e in maggior sicurezza, offrire un’immagine positiva ai clienti e tutelare la loro salute e quella dei dipendenti.

L’igiene nella ristorazione: le regole principali

Che si tratti di un ristorante, un bar, una mensa o un servizio di catering, le regole in tema di sanificazione imposte dal Legislatore sono molto precise: il mancato adempimento di quanto previsto nell’ambito dell’autocontrollo alimentare può significare sanzioni pesanti, oltre che danni di immagine e il discredito dell’esercizio. Ma l’osservanza di semplici comportamenti evita di incorrere in spiacevoli e costosi inconvenienti. Vediamo nel dettaglio quali sono i comportamenti da attuare.

L’igiene riferita agli ambienti della ristorazione collettiva è un concetto piuttosto ampio e riguarda principalmente tra ambiti: la persona, il cibo, l’ambiente. Prendiamo in esame tutti e tre, soffermandoci soprattutto sull’ultimo.

Igiene della persona

img-articolo-7-giugno-2019-2

L’igiene della persona è l’insieme di tutte quelle buone pratiche pensate per garantire che chi manipola, lavora e serve il cibo sia nelle condizioni ideali di pulizia personale. Ciò vuol dire rispettare alcune regole di base come cambiarsi d’abito prima di iniziare a lavorare indossando un camice o un abbigliamento diverso da quello usato in ambito privato, raccogliere i capelli e utilizzare un copricapo, lavarsi frequentemente le mani, curare le unghie mantenendole corte e senza smalti, togliere anelli e bracciali, avvisare i titolari se si hanno problemi intestinali (vomito o diarrea), non starnutire o tossire in prossimità del cibo, non fumare.

Igiene del cibo

Anche la conservazione e la manipolazione del cibo devono rispettare dei parametri ben precisi. Va innanzitutto controllata la provenienza degli alimenti e il loro livello di integrità una volta arrivati al luogo di destinazione. Gli alimenti vanno sempre conservati nei frigoriferi alle temperature più adeguate, vanno coperti con una pellicola nel caso di avanzi e in generale è bene consumare prima quelli che più facilmente deperiscono. L’igiene del cibo vuol dire anche separare gli alimenti puliti dalle lavorazioni sporche, evitare pericoli di contaminazione tra gli ingredienti crudi (soprattutto carni e pesce), non toccare il cibo con le mani nude. E’ importante anche riscaldare adeguatamente le pietanze poiché tra i 15°C e i 55°C i germi si moltiplicano velocemente, quindi si deve arrivare almeno ai 65°C prima di servire. Al contrario, per la fase di raffreddamento, la temperatura dovrebbe scendere dai 65°C ai 10°C per evitare la proliferazione dei germi.

Igiene dell’ambiente

img-articolo-7-giugno-2019-3

Igienizzare un ambiente dedicato alla ristorazione è un’attività delicata che riguarda tanto i locali adibiti alla conservazione e alla lavorazione degli alimenti – la cucina, la cella frigo, la dispensa –  tanto gli spazi dove vengono serviti – la sala, il locale –  e quelli comuni, come i servizi igienici per i clienti e il personale. In tutti questi casi è consigliabile pulire spesso le postazioni di lavoro, preferibilmente con strofinacci monouso e mantenere separati e chiusi in un apposito mobile contenitore tutti i prodotti chimici e detergenti usati abitualmente per la pulizia, per evitare che eventuali residui entrino in contatto con gli alimenti.

Sia in sala che in cucina, l’accurata igienizzazione degli attrezzi utilizzati in cucina, così come delle superfici, dei tavoli e perfino dell’aria del locale sono il primo passo per garantire un ambiente pulito, salubre e microbiologicamente sicuro.

Un aiuto in più nell’igienizzazione dei ristoranti è rappresentato dalla sanificazione all’ozono. Questa permette di ridurre al minimo la presenza di virus, batteri e muffe, perché l’ozono è un gas naturale in grado di abbattere fino al 99% la carica batterica. Trattandosi appunto di un gas, è in grado di igienizzare anche gli angoli più difficili da raggiungere attraverso uno straccio o una comune aspirapolvere. Purifica il locale neutralizzando gli odori forti che si producono in cucina quando gli alimenti vengono cotti, restituendo così un ambiente sanificato con una piacevole sensazione di pulito. L’impiego dell’ozono aiuta anche a rallentare il deperimento degli alimenti e a mantenerne le caratteristiche organolettiche, favorendo la corretta degustazione delle pietanze.
La sanificazione e igienizzazione di un ambiente pubblico con l’ozono offre anche un altro importante vantaggio: limita notevolmente la possibilità del personale di ammalarsi, grazie alla riduzione dei virus e batteri che possono circolare nell’aria a causa dell’alta frequentazione di adulti e bambini. Ce lo raccontano in questi due video Max, proprietario del ristorante Alcova del Frate di Verona, e Antonio, proprietario del Bloom bar & Cafè di Verona.

Max di Alcova del Frate

Antonio del Bloom bar & Cafè

img-articolo-7-giugno-2019-4

Se lavori anche tu nell’ambito della ristorazione, informati per sapere quali sono le norme in ambito HACCP, quali corsi frequentare per essere in regola e come fare per garantire massima igiene sul tuo luogo di lavoro diventando una Sanity O-zone. La sanificazione all’ozono può rappresentare un aiuto concreto per rispettare la normativa vigente: non sarà apprezzata solo da chi effettua i controlli in materia di igiene, ma anche dai tuoi clienti.

cerca-sanity-O-ZONE