Blog

Igienizzare il seggiolino auto: come pulire e sanificare il seggiolino del tuo bimbo

img-articolo-7-settembre-2019-1

Le piccole e grandi pulizie non dovrebbero essere svolte solo in casa, ma anche in auto dato che spesso vi trascorriamo molto più tempo di quanto pensiamo. Un accessorio in particolare dovrebbe essere oggetto di una pulizia regolare e accurata: si tratta del seggiolino auto per i bimbi, luogo dove i più piccoli trascorrono il tempo durante i brevi spostamenti e le gite in auto. Se stai cercando come igienizzare il seggiolino auto, questo è l’articolo giusto per te.

Non è difficile immaginare quanto sporco si nasconda nel seggiolino: spesso è vittima della caduta involontaria di succhi e bevande, briciole di cracker e biscotti e nel caso dei bimbi più piccoli può capitare che si sporchi a causa di rigurgiti o fuoriuscite dal pannolino. Quando a essere trasportati sul seggiolino – o sull’ovetto, le regole sono le stesse – sono i neonati le attenzioni dei genitori devono essere maggiori: il seggiolino può nascondere batteri, acari delle polvere e tantissimi altri microrganismi. A lungo andare potrebbero addirittura svilupparsi delle muffe. Per preservare la salute dei più piccoli e aiutare il loro sistema immunitario ancora in formazione, è indispensabile lavare e igienizzare con una certa regolarità il seggiolino auto. Ma pulire e igienizzare sono la stessa cosa? E come si può essere certi di aver disinfettato davvero il seggiolino? Grazie alla tecnologia della sanificazione con l’ozono è possibile eliminare i germi, i batteri, gli acari e tutti i microrganismi depositati sulla superficie del seggiolino. Ma prima di eliminare i batteri, bisogna pensare a rimuovere le macchie di sporco. Ecco allora qualche consiglio su come farlo nel modo più efficace.

Come pulire al meglio il seggiolino auto

Bisogna innanzitutto scegliere il periodo giusto, in quanto è necessario lasciarlo asciugare. Dunque, se non si dispone di un secondo seggiolino è preferibile attendere la primavera o l’estate così che asciughi velocemente al sole. La prima cosa da fare per pulire accuratamente ed evitare di rovinare un accessorio così importante è leggere le informazioni relative alla pulizia presenti sul manuale d’istruzioni. In questo modo sarà possibile verificare se il seggiolino auto è sfoderabile e dunque se l’imbottitura può essere staccata e lavata separatamente dal telaio, in lavatrice oppure solo a mano e a che temperatura. 

Pulizia del seggiolino auto sfoderabile

img-articolo-7-settembre-2019-2

 

Se il seggiolino può essere sfoderato, le operazioni di pulizia sono molto più semplici e veloci. Dopo aver aspirato bene con l’aspirapolvere tutte le parti raggiungibili, è possibile iniziare a togliere l’imbottitura. Nella maggior parte dei casi può essere lavata in lavatrice alla temperatura indicata e fatta asciugare nell’asciugatrice. Ove fosse indicato il lavaggio a mano, basta inserire in una bacinella la fodera con l’acqua e il sapone (meglio di Marsiglia) e procedere quindi al lavaggio strofinando delicatamente con una spazzola. Per le macchie più ostinate può essere utile uno sgrassatore delicato da lasciare in posa qualche minuto. Mentre l’imbottitura si asciuga è possibile lavare anche il telaio con un panno umido, passando con cura in tutti i posti raggiungibili. La parte in cui bisogna fare più attenzione sono le cinghie, da lavare come indicato nel manuale. Infine, l’asciugatura è la fase più importante: bisogna verificare che tutte le parti siano completamente asciutte e che non siano presenti ruggine o corrosioni, condizioni che possono compromettere la sicurezza del seggiolino.

Un piccolo segreto per evitare di avere problemi durante il ripristino dell’imbottitura è quello di fare delle foto al seggiolino prima di smontarlo, così da poter vedere com’era sistemata l’imbottitura e dove passavano le cinghie. Dopo il lavaggio,  montarlo sarà molto più semplice con le foto sott’occhio!

Pulire il seggiolino auto non sfoderabile

img-articolo-7-settembre-2019-3

 

Quando il seggiolino auto non è sfoderabile, le operazioni di pulizia sono un po’ più complesse e meno comode, ma non impossibili. Innanzitutto la prima operazione è sempre quella di smontare il seggiolino dall’auto e iniziare a eliminare briciole e sporco con un aspirapolvere, montando il beccuccio per arrivare nei punti più nascosti. Se sono presenti delle macchie, queste devono essere rimosse singolarmente con acqua e detersivo, strofinando bene per farle andare via. In commercio esistono apposite salviettine che permettono di pulire l’intera superficie del seggiolino oppure si può procedere con una semplice spugna. Infine il seggiolino auto deve essere lasciato al sole ad asciugare in ogni sua parte prima di essere rimontato in auto, avendo cura di rimettere cinghie e cinture come prima.

La pulizia del seggiolino con il vapore

Un’alternativa “green” al lavaggio a mano o in lavatrice è la pulizia a vapore, che rimuove lo sporco senza bisogno di prodotti aggiuntivi. Se avete un elettrodomestico a vapore in casa potete utilizzarlo per pulire agevolmente il seggiolino. Anche in questo caso è indispensabile lasciare il seggiolino ad asciugare per bene, per eliminare eventuali residui di acqua che possono ristagnare sui tessuti e il rischio di formazione di muffe.

Igienizzare il seggiolino auto con la sanificazione all’ozono

img-articolo-7-settembre-2019-4

Dopo la pulizia del seggiolino auto, la sanificazione con l’ozono è un po’ come la ciliegina sulla torta, perché elimina i germi e i batteri presenti sulla superficie del seggiolino e lo disinfetta completamente. Anche questa è una tecnologia “green” perché per igienizzare non ha bisogno di detersivi, spray o additivi chimici. Se con la pulizia si eliminano solo sporco e macchie dal seggiolino, con la sanificazione con l’ozono si ottengono tre risultati in un colpo solo: viene sanificato il seggiolino bimbi, viene sanificato l‘abitacolo e tutto quello che sta al suo interno, aria compresa, e viene sanificato il sistema di climatizzazione. Insomma, viene sanificata l’interna auto. Chi si prende cura della propria salute e di quella della propria famiglia non si limita alla pulizia tradizionale, ma effettua anche la sanificazione con l’ozono in modo da respirare aria sana e pulita anche in auto. Col tempo infatti le particelle di particolato provenienti dalla strada, le muffe e batteri che entrano dall’esterno e dal climatizzatore si depositano all’interno dell’abitacolo e sul seggiolino, compromettendo la salute di chi utilizza il veicolo. 

La sanificazione con l’ozono di Sanity System funziona in modo molto semplice: all’interno dell’abitacolo viene inserito uno speciale dispositivo che attira e cattura l’ossigeno presente nell’aria e lo trasforma in ozono, un gas presente in natura e famoso per le sue proprietà igienizzanti e deodoranti. Il trattamento ha una durata che varia dai 20 ai 40 minuti (dipende se viene sanificato solo l’abitacolo o sia l’abitacolo che l’impianto del climatizzatore) durante i quali ogni traccia di microrganismo patogeno e cattivo odore sparisce. Il trattamento non può sostituire le normali operazioni di pulizia: l’aspirazione di polvere, capelli, residui di cibo e sassolini e il tradizionale lavaggio dell’auto costituiscono la premessa per una sanificazione efficace da batteri, muffe e cattivi odori.

Dove sanificare il seggiolino con il metodo Sanity System

In Italia esistono più di 3000 Sanity Point sparsi da Nord a Sud presso i quali richiedere la sanificazione della propria vettura con lo speciale trattamento all’ozono sicuro e certificato messo a punto da Sanity System. Si tratta di autolavaggi, pompe di benzina, meccanici, elettrauto, carrozzieri e gommisti che offrono il servizio di sanificazione. Se non l’hai ancora provato, chiedi al tuo professionista di fiducia oppure clicca qui e cerca il Sanity Point più vicino a te! Perché come dice il nostro motto “Pulito è bello, sanificato è meglio!” 

cerca-sanity-point

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *