BLOG


Negli ambulatori medici, personale sanitario e pazienti sono quotidianamente esposti alle infezioni e al contagio. In periodo di epidemia il rischio è ancora più alto, ed è per questo che diventa necessario pulire e sanificare in modo accurato, continuo e rigoroso. Vediamo allora quali sono le regole da seguire e quali misure si possono adottare per sanificare gli studi medici.

Come pulire uno studio medico

L’epidemia di COVID-19 ha obbligato i medici a modificare le procedure di pulizia quotidiana che già mettevano in atto e a familiarizzare con termini come DPI e sanificazione, una parola, e una pratica, fino a un anno fa ancora poco diffusa alla quale abbiamo imparato ad affidarci per evitare il contagio e gestire la sicurezza all’interno di ambulatori medici e spazi chiusi. Si tratta di una nuova buona abitudine a cui difficilmente rinunceremo anche nei prossimi anni.

Le pulizie di uno studio medico sono oggi più frequenti, scrupolose, complicate, lunghe, dispendiose, aggravate dall’obbligo di disinfettare regolarmente superfici, strumenti e arredi, oltre che areare gli ambienti. Oggi, i medici di medicina generale e gli specialistici affrontano quotidianamente il problema di “cosa devo usare e come devo sanificare il mio ambulatorio medico?” Ecco allora le principali indicazioni per impostare una corretta pulizia e sanificazione.

  • Aerare il locale a ogni nuovo paziente: il ricambio dell’aria è la prima misura da adottare per ridurre il rischio di trasmissione di agenti infettivi. Ventilare per 10-15 minuti tra un paziente e l’altro, aprendo le finestre o accendendo il climatizzatore, è sufficiente.
  • Pulire con acqua e detergente neutro: il personale incaricato dovrà prestare particolare attenzione alla pulizia dei piani di lavoro, dei servizi igienici e di tutte le superfici toccate di frequente, come le maniglie delle porte e delle finestre, i braccioli delle sedie, gli interruttori della luce. Questa operazione va ripetuta ogni giorno per tutte le superfici.
  • Disinfettare con ipoclorito di sodio (0,1%- 0,5%), etanolo (62%- 71%) o perossido di idrogeno (0,5%):  i prodotti chimici comunemente usati a livello ospedaliero devono essere usati per disinfettare l’intero studio medico: l’ambulatorio, la sala d’attesa, la reception, gli ambienti di lavoro del personale, le toilettes, gli spogliatoi. Buona norma sarebbe disinfettare anche tutti gli strumenti come tastiere, monitor, mouse, stampanti e così via. Qualora sia stato visitato un paziente affetto dal Coronavirus, è necessario disinfettare le superfici con ipoclorito di sodio 0,1% dopo aver pulito con il detergente neutro. Ricordiamo che per la disinfezione dello studio è necessario utilizzare attrezzature dedicate o monouso. Se sono riutilizzabili, devono essere invece decontaminate dopo l’uso con un disinfettante a base di cloro. 

Perché dopo aver disinfettato con i metodi tradizionali è consigliabile sanificare un ambulatorio medico con l’ozono?

“La pulizia accurata delle superfici con acqua e detergente seguita dall'applicazione di disinfettanti comunemente usati a livello ospedaliero” dovrebbe essere quindi, come riporta il Ministero della Salute nella sua Circolare n.54443/20 “una procedura efficace e sufficiente” per assicurare che lo studio medico sia perfettamente igienizzato e decontaminato. Ma siamo sicuri che sia proprio così?


La sanificazione con i presidi tradizionali presenta alcune criticità, che lascino una porta aperta alla trasmissione delle infezioni e al rischio di contagio, nonostante la pulizia dello studio medico possa essere accurata e sistematica. Qualche esempio? Guanti e attrezzature come abbiamo visto dovrebbero essere dedicate e monouso e i panni e gli stracci dovrebbero essere decontaminati dopo l’uso. Tuttavia questo non sempre avviene: può capitare infatti di scambiare, manipolare, confondere gli ausili e dimenticarsi di disinfettarli. Il Medico farà bene a controllare che il personale addetto, che sia interno o una ditta esterna, adottino tutte le procedure correttamente, ma anche questo non sempre è possibile. 


Sanificare tutto, ma proprio tutto ciò che sta all’interno dello studio medico è praticamente impossibile. Non si tratta di sanificare le grandi superfici come pavimenti, sedie, scrivanie, lettini e sanitari, ma di decontaminare tutti gli oggetti - dalle penne ai piccoli soprammobili, dai quadri ai campioncini dei farmaci, dal telefono agli effetti personali del medico e dello staff, a tutte le piccole superfici  - che di norma vengono trascurati da una pulizia tradizionale seppur accurata. Nella lista vanno aggiunti poi anche i tessuti come tende, tappeti e cuscini.


La sanificazione degli ambulatori medici effettuata con SANY PLUS supera queste e altre criticità.

Sanificazione con l’ozono degli studi medici: facile e perfetta con SANY PLUS

L'ozonizzatore per studi medici SANY PLUS è la soluzione pratica e intelligente per vincere i limiti delle comuni procedure di disinfezione e beneficiare dei tanti vantaggi dell’ozono negli ambienti sanitari. L’azione dei disinfettanti chimici è circoscritta infatti alla sola area su cui viene spruzzato il prodotto ed è efficace solo contro gli agenti patogeni. 

Sany Plus, invece:

  • ha un raggio d’azione più ampio, che coincide con l’intera stanza e il suo contenuto: decontamina da virus e batteri tutto l’ambiente, non solo le grandi superfici per le quali il Ministero della Salute prescrive la sanificazione obbligatoria, ma anche le piccole e piccolissime zone dove ugualmente possono depositarsi batteri e virus. Ricordiamo che le evidenze scientifiche dimostrano che i Coronavirus possono persistere sulle superfici inanimate in condizioni ottimali di umidità e temperatura fino a 9 giorni. 
  • sanifica anche i punti più nascosti e difficili da pulire che normalmente vengono trascurati: dietro agli armadi, gli angoli, i lampadari, l’interno dei cassetti, i termosifoni, i muri
  • sanifica anche i tessuti: tende, tappeti, lettini, poltrone, sedie imbottite, etc…
  • agisce contemporaneamente contro gli agenti infettivi e gli odori: fumo, urina, feci, sangue. liquidi biologici in genere, cibo, traspirazione, pelo di animale e così via. 
  • sanifica anche l’aria, rendendola più fresca, leggera e sana
  • completa e supporta l’azione battericida dei disinfettanti tradizionali
  • velocizza e ottimizza le procedure di pulizia e disinfezione, assicurando a medici e pazienti una efficace protezione dagli agenti patogeni

Sany Plus è ideale per sanificare e deodorare studi medici, poliambulatori, centri di medicina, cliniche private, laboratori di analisi e ambulatori veterinari. 

La sua tecnologia all’ozono è validata scientificamente nei confronti del COVID-19, un primato in assoluto essendo la prima al mondo a essere stata testata direttamente sul virus. Lo studio condotto dal Dipartimento di Medicina Molecolare dell'Università di Padova ha dimostrato la sua capacità di abbattere le particelle virali infettanti del virus SARS-CoV-2 (Covid-19) all'interno di un ambiente chiuso (aria e superfici)

Maneggevole e facile da trasportare ha tre diversi programmi di lavoro per sanificare locali di metrature diverse ed è controllato da una centralina elettronica, che gestisce in automatico tutto il processo di sanificazione. Il “Sistema Sicuro” recupera l'ozono e lo riconverte in ossigeno in modo veloce e automatizzato a fine trattamento, permettendo di tornare subito in totale sicurezza alle proprie attività. 

Come abbiamo visto, utilizzare Sany Plus per sanificare il tuo studio medico ti aiuterà a sentirti più al sicuro e protetto nel tuo ambiente di lavoro e a garantire la stessa sicurezza ai tuoi pazienti. 

Vuoi saperne di più? Contattaci per info oppure chiama al numero 049.798526.

 

Fonti: Ministero della Salute, Circolare n. 54443 del 22 febbraio 2020
Federazione Italiana Medici di Famiglia: Protocollo per gli Ambulatori Medici per la gestione post-emergenza Covid-19