Generatore Ozono: a cosa serve, come funziona, dove acquistare

  • Condividi

Cos'è e cosa fa un generatore di ozono? Quando, dove e perché usarlo? Quale generatore di ozono è meglio scegliere? E, ancora, dove noleggiare o acquistare un generatore di ozono? Tutte le risposte in questa guida.

Generatore di ozono: cos'è e a cosa serve

Il generatore di ozono è uno strumento che viene utilizzato per sanificare in profondità tutte le superfici, rimuovere gli odori dall’aria e migliorare la vivibilità di differenti tipologie di ambienti chiusi. I generatori di ozono funzionano al meglio e sono indicati in tutti gli spazi ad alta frequentazione – ambienti sanitari, gli uffici, le scuole, i negozi – dove è più alto il rischio di proliferazione di virus, batteri e altri agenti patogeni.

Esattamente, cosa fa un generatore di ozono? Tramite un apposito dispositivo collocato al suo interno produce ozono dall’ossigeno contenuto nell’aria, una molecola naturale con proprietà deodoranti, battericide e fungicide che uccide o rende inerti i microrganismi e toglie gli odori presenti in un locale. Parliamo di batteri, spore, muffe, virus e germi di vario genere che non siamo in grado di vedere a occhio nudo, ma che contaminano gli ambienti con effetti dannosi per la nostra salute.

Per capire meglio a cosa serve un generatore di ozono scopriamo nel dettaglio in cosa consiste la sua azione sanificante. Questo gas dall’odore lievemente pungente aggredisce e disgrega la membrana cellulare dei microrganismi e ne provoca la morte o l’inattivazione (virus). Ciò significa che esercita una forte azione ossidante su alcune parti delle cellule dei patogeni che distrugge con effetto immediato. Un valido strumento, quindi, per contenere il rischio che si sviluppi un’infezione o che virus e cattivi odori si diffondano in un ambiente confinato, a tutto vantaggio della salute e del benessere di persone e animali.

A rendere particolarmente interessanti questo tipo di prodotti è la duplice azione: i generatori di ozono funzionano al tempo stesso come generatori di ozono per ambienti e generatori di ozono per aria, agendo simultaneamente sull’aria e sull’intero ambiente e neutralizzando i microrganismi e gli odori, vale a dire le due principali categorie di inquinanti indoor. Grazie al potente effetto di bonifica svolto dal generatore di ozono si ottiene anche un terzo risultato che è quello di allontanare piccoli animali infestanti come acari, formiche, zecche, pulci, blatte, ottimizzando così la pulizia e la salubrità degli spazi sotto ogni aspetto.

Come funziona un generatore di ozono e in quali spazi è utile

Il generatore di ozono come si usa? Semplicissimo! Basta disporre di una presa di corrente elettrica. Dopo aver pulito l’ambiente che si vuole trattare, si introduce a porte e finestre ben chiuse il generatore di ozono per ambienti e si seleziona il programma desiderato a seconda delle dimensioni della stanza. Il processo di sanificazione a quel punto inizia e avviene in completa sicurezza e autonomia: dalla produzione di ozono alla riconversione in ossigeno, la macchina fa tutto da sola. Sanificare una stanza in modo perfetto diventa un gioco da ragazzi.

Mentre è in funzione, l'aria entra nel dispositivo e attraversa una piastra dove una scarica elettrica trasforma l’ossigeno in ozono. Arricchita di questo gas naturale, l’aria esce dall'apparecchio tramite una ventola e permea la stanza, dove elimina le particelle di odore e i microrganismi che incontra. Al termine, entra in funzione il catalizzatore automatico, che recupera l'ozono e lo riconverte meccanicamente in ossigeno.

A seconda del tipo di attività svolta nei locali e il grado di decontaminazione desiderata, esistono diversi metodi di sanificazione degli ambienti, come ozono, vapore e perossido di idrogeno - e diverse tipologie di generatori di ozono per ambienti:

- macchine per la sanificazione di ambienti sanitari, come ospedali, studi medici, laboratori di analisi, ambulatori veterinari, pensati per ridurre il rischio di complicanze infettive e potenziare il protocollo di sanificazione fatta con i presidi tradizionali.

- macchine per la sanificazione di locali commerciali, dai come negozi di abbigliamento alle farmacie,  per sanificare contemporaneamente l'ambiente, l’aria e tutta la merce esposta e trasformare il negozio un luogo in cui i clienti possono fare acquisti in piena sicurezza.

- macchine per la sanificazione di hotel, ristoranti e bar per ottimizzare l’igiene e i tempi del check-in, o ancora, risolvere il problema degli odori in camera o in sala. Questi ambienti di lavoro sono spesso sottoposti alla correlazione tra allergie professionali e grado di igiene e sanificare con l’ozono è uno strumento in più da tenere a mente.

- macchine per la sanificazione di uffici, scuole e comunità per ridurre la carica microbica e risanare l'aria, con effetti positivi sul comfort dell'ambiente di studio e lavoro e sulla salute dei più fragili.

- macchine per la sanificazione delle auto, studiate per sanificare l’abitacolo e il condizionatore dei veicoli nuovi e usati. In questo caso il generatore di ozono professionale per auto, può diventare uno strumento attraverso cui vendere un servizio aggiuntivo ai propri clienti.

Generatore di ozono, ionizzatore o purificatore aria tra somiglianze e diversità

 

Considerato che sul mercato la proposta di macchine per sanificare è molto ampia, è bene soffermarsi su alcune differenze presenti tra questi prodotti, per evitare di compiere scelte poco consapevoli, frutto di fraintendimenti o confusione. Il generatore di ozono o lo ionizzatore, ad esempio, non sono la stessa cosa, così come il purificatore d’aria e il generatore di ozono condividono alcuni tratti comuni e al tempo stesso divergono per altri.

Generatore di ozono o ionizzatore?

Pur essendo entrambe tecnologie green in apparenza simili, il generatore d’ozono e lo ionizzatore si differenziano per molti aspetti, a partire dall’agente sanificante impiegato fino ad arrivare all’effetto ottenuto. Gli ionizzatori, attraverso il rilascio nell’aria di ioni negativi, migliorano la qualità dell’aria e possono andare bene se l’obiettivo è quello di purificare temporaneamente l’aria in un ambiente chiuso. Questo tipo di purificazione infatti non elimina i batteri, i virus e le muffe, ma li depone al suolo, “appesantiti” dagli ioni negativi a cui si sono legati elettrostaticamente. Le particelle di odore, gli allergeni e i microrganismi anziché fluttuare nell’aria, cadono sul pavimento e sulle superfici e una volta spento il dispositivo tornano a circolare nell’aria. Se si vuole uccidere i microrganismi e liberarsi della carica batterica, i generatori d’ozono funzionano in maniera più specifica e mirata.

Gli ionizzatori possono inoltre funzionare in presenza di persone e animali, anche se è bene ricordare che oltre agli ioni negativi viene prodotta anche una piccola quantità di ozono, che se inalato potrebbe procurare mal di testa o scarsa capacità di concentrazione. Al contrario, il generatore di ozono deve essere messo in funzione solo in assenza di persone: affinché agisca con tutta la sua forza, è necessario che saturi completamente la stanza, a un livello incompatibile con la permanenza al suo interno.

Ciò non vuol dire che i generatori di ozono sono pericolosi. L’ozono per sanificare è ampiamente diffuso in ambito civile e industriale e non risulta essere vietato dal Ministero della Salute, che al contrario, anche insieme all'Istituto Superiore di Sanità, lo ha più volte incluso tra i principi attivi impiegabili per sanificare gli ambienti.

Quando si acquista questa categoria di prodotto, la cosa importante da verificare è che si tratti di un generatore di ozono con catalizzatore, a garanzia che tutto l’ozono presente nell’ambiente dopo il ciclo di sanificazione venga riconvertito meccanicamente in ossigeno, rendendo possibile il rientro delle persone subito dopo il trattamento in totale sicurezza. Anche se si tratta di un generatore di ozono professionale o con certificazione, non è detto che disponga del catalizzatore.

Purificatore d’aria o generatore di ozono?

I purificatori d’aria sono un’altro genere di dispositivi impiegati per migliorare la qualità dell’aria di un luogo confinato e ridurre la carica microbica. Aspirano l’aria, catturano le sostanze inquinanti e immettono nuovamente l’aria nell’ambiente una volta purificata. Per farlo utilizzano filtri a carboni attivi o filtri HEPA che raccolgono i microrganismi, le impurità e gli allergeni filtrati dall’aria. E’ questa, insieme ad altre, una delle principali differenze tra un purificatore aria e un sanificatore per ambienti e uno dei motivi per i quali potreste scegliere un ozonizzatore, che funziona senza bisogno di filtri e materiali di ricambio da sostituire periodicamente. Ecco perché alla domanda quanto dura un generatore di ozono è facile rispondere che, non richiedendo la sostituzione di alcun filtro, mantiene a lungo la sua efficienza.

Un’altra differenza è che la purificazione rimane circoscritta all’aria, perché non sono in grado di eliminare le particelle che si depositano sulle superfici come avviene invece nel caso di un generatore di ozono che agisce sull'intero ambiente e non solo a livello dell’aria. L'effetto che si ottiene è quello di una buona igienizzazione, ma non si può parlare propriamente di sanificazione, perché non uccide o inattiva gli agenti patogeni, ma si limita a spostarli dall’aria al filtro che li raccoglie.

Quale generatore di ozono scegliere? 5 consigli per non sbagliare

Molti sono i fattori da considerare quando si sceglie quale generatore di ozono acquistare. Che si tratti di un generatore di ozono per aria finalizzato a migliorare l’accoglienza dei clienti in negozio, di un generatore di ozono contro la muffa da usare per bonificare stanze senza finestre o magari di un generatore professionale per auto, la scelta va fatta sempre con la massima attenzione. Perché in gioco c'è la sicurezza delle persone e la loro salute, oltre che l’offerta di un servizio che può portare a un ritorno d’immagine positivo.

Per questo, quando ci si trova a dover valutare tra tanti modelli, bisogna assicurarsi che sia un prodotto valido e non lasciarsi ingannare da false promesse, come quella della massima immediata convenienza dietro la quale può nascondersi una cattiva qualità dei materiali, la scarsa affidabilità dei sistemi di sicurezza o la mancanza di assistenza.

Ecco 5 indicazioni per fare la scelta giusta:

  • Scegli solo aziende referenziate, meglio se produttrici. Numerose sono le aziende che propongono generatori di ozono professionali. Valuta la loro affidabilità sulla base delle certificazioni che hanno ottenuto e sulla costanza con cui sottopongono i loro macchinari a studi di efficacia. Una rondine non fa primavera e una o due certificazioni non garantiscono la qualità che cerchi. Il fatto che abbiano programmi preimpostati e che i prodotti e/o la loro tecnologia siano stati validati con test di laboratorio sono una circostanza tutt’altro che trascurabile e segna la differenza fra una macchina che genera ozono e una macchina che sanifica per davvero. Solo se gli effetti sugli ambienti sono stati verificati, si può parlare di sanificazione e non di semplice produzione di ozono. Se il venditore del prodotto è anche il produttore, meglio: per verificarlo, controlla che sia iscritto al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Registro AEE).
  • Preferisci un generatore d’ozono Made in Italy. Le norme in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro in Italia sono particolarmente rigorose e garantiscono che i prodotti messi in commercio sono efficaci e sicuri. Per i prodotti importati, non sempre è così.
  • Controlla che sia marchiato CE. È obbligatoria per tutti i dispositivi commercializzati in Europa, disciplina l’intero ciclo di vita del prodotto e indica che è stato fabbricato in modo conforme agli standard europei in fatto di sicurezza, salute pubblica e tutela del consumatore.
  • Verifica la presenza del sistema di sicurezza. Ogni ozonizzatore che possa definirsi sicuro deve essere dotato di un dispositivo per l‘abbattimento o l’estrazione del gas residuo presente nell’ambiente a fine trattamento. Quello che acquisti deve perciò essere un generatore di ozono con catalizzatore che cattura l’ozono in eccesso e lo riconverte in ossigeno. Su questo è cosa saggia non risparmiare.
  • Sii previdente: acquista da chi ti garantisce l’assistenza tecnica. Per evitare che un guasto o un malfunzionamento diventi un problema complicato da risolvere, dai la preferenza all’azienda che con l’acquisto del generatore di ozono ti garantisce anche l’assistenza tecnica diretta o in appoggio a un centro di assistenza incaricato.

Sanificare gli ambienti con l’ozono è un’operazione particolarmente semplice, veloce ed economica a patto di scegliere bene dove acquistare un generatore di ozono e di utilizzare un prodotto che presenti determinate caratteristiche. Il consiglio è di preferire un generatore di ozono portatile, progettato per un uso professionale, dotato di catalizzatore, con programmi preimpostati e certificazione in modo da garantirsi grande praticità, insieme a potenza e sicurezza.

Vuoi sapere come funziona un generatore di ozono e provarne l’efficacia? Contattaci allo 045.9810880 oppure compila il form qui.



  • Condividi

Vuoi ricevere altri articoli come questo? Iscriviti alla nostra newsletter

Il tuo indirizzo e-mail viene utilizzato solo per inviarti consigli, notizie e promozioni da Sanity System. Puoi in qualsiasi momento utilizzare il link per annullare l?iscrizione integrato nelle nostre comunicazioni. Ulteriori informazioni sulla gestione dei tuoi dati e dei tuoi diritti.